le opere pervenute

Giovanni Avesani                                Angeli     m.objects 3:2                   10’30”

E’ l’audiovisivo di una mostra  di Igor Mitoraj , pittore e scultore polacco. Nato nel marzo del 1944 Mitoraj  iniziò come pittore all’accademia di Cracovia. Nel 1968 si trasferì a Parigi per continuare i suoi studi artistici, dove nel 1976 ebbe un grandissimo successo per una sua esposizione  personale alla Galleria La Hune, che lo convinse a dedicarsi a tempo pieno alla scultura. Dopo aver lavorato con terracotta e bronzo, decise di passare alla lavorazione del marmo.  Nel 1983 si trasferì definitivamente in Toscana a Pietrasanta, allestendovi il suo laboratorio, in aggiunta a quello di Parigi.  A Pietrasanta nel 2001 fu insignito della cittadinanza onoraria. Ha tenuto numerosissime e prestigiose mostre personali a livello internazionale.  Ha ricevuto premi e conoscimenti in tutto il mondo. Le sue opere sono figurative e richiamano alla classicità con inserimenti e trasformazioni. Questi interventi le rendono moderne. Nel 2014 a Pisa ci fu una mostra antologica dove erano esposte statue classiche mutilate in angeli violati. Nell’ottobre dello stesso anno il maestro morì.

Visto che la mostra fu prorogata   fino ad aprile 2015, a marzo mi recai a Pisa per  fotografare le opere di Mitoraj. Successivamente un mio cugino, con la passione dell’arte e della narrativa scrisse un racconto sulle mie immagini. Un racconto scritto, seppur sorretto dalle immagini, rimane asciutto, freddo. La recita di due attori lo hanno riscaldato, gli hanno dato vita, e hanno dato esistenza anche alle figure. 

Dervis e Tiziana Castellucci    LA GRANDE ANIMA DELL’ORIENTE    m.objects  16:9  11′     

Gennaio-febbraio 2016: tre settimane in Myanmar che sono state un susseguirsi continuo di emozioni.L’arretratezza e la povertà emergono ma sono sopperite con grande dignità e profonda spiritualità da un popolo meraviglioso!In funzione dell’importante materiale fotografico raccolto nel corso di questo viaggio siamo stati spinti a realizzare un trittico di multivisioni.Dopo “Bagan, luoghi dello spirito” e “Lago Inle, un mosaico di culture”, “La grande anima dell’Oriente” vuole arrivare al cuore di quello che abbiamo colto in questo straordinario viaggio.       

 

Romano Cicognani                              MASAAI              Wings 2:1           13’30”

La giornata di una famiglia Maasai

Mario Costa , Gianpietro Medaglia ,Forchini Patrizia         Gropp       Wings 16:9          5’30”

Gropp è un espressione dialettale bresciana che sta ad indicare un nodo, un groppo in gola, che ti prende in certe situazioni . Un nodo in gola che mi è preso guardando le fotografie di un luogo a me caro che difficilmente potrà ritornare ad essere come prima , anche se lo spero con tutto il cuore .

Edoardo Tettamanzi             RUN ART             Wings  16:9    5’34”

il colore dalla tela alla strada

 

Carlo Antonio Conti  La storia dei giardini di Natale
                                                     
      Wings + Premiere Pro 2,4:1   9’10”

 

Francesco Littera                  Gocce d’autunno       Wings 2,35:1  6’30

L’autunno è pioggia, a dissetare ciò che nella terra alberga 
E poi…. inverno sarà

Francesco Lopergolo      Il colore arancio       Wings 2,35:1  7’25”

Quando l’oriente si tinge di arancio…   

 

Renzo Broglia         Un popolo sospeso nel tempo   Wings 2:1      14′

Fotografia di Renzo Broglia e Romano Cicognani
Montaggio di Renzo Broglia

Ci sono momenti in cui, ti viene voglia di incontrare altre vite. E quando, dopo tanta strada, finalmente ti riempiono gli occhi, non sai fare altro che stare a guardare, ammutolito di fronte a ciò che a te pare impossibile e all’altro imprescindibile esistenza.

 

Carlo Onofri e Alessandra Monti   La sagrada locura  
                                                                                                  Wings 2.35:1  9′

Siviglia, durante la Settimana Santa, viene attraversata, 24 ore su 24, da imponenti processioni di migliaia diuomini, donne e bambini incappucciati che accompagnano enormi immagini lignee di Cristo e della Madonna.Tutto sul filo della grandiosità al limite della follia.

 

Giacomo Renier      Magredi, le ultime praterie     Pte 16:9    5’30”

i Magredi sono un territorio particolare, compreso tra i greti dei torrenti Cellina e Meduna, in provincia di Pordenone, dove la natura tenacemente si adatta a condizioni di vita estreme dovute alla scarsità di acqua in superficie, ma nonostante ciò sono una zona ricca di biodiversità. Unici in Italia, sono paragonabili per aspetto alle pianure steppose ungheresi. Ci vado spesso, anche solo a passeggiare, perchè sono a due passi da casa e forse per questo ho scelto di descriverli come un luogo dell’anima.

 

Andrea Pivari     Apparenza illusoria                      Wings 2,35:1  7′

Selezionare, catalogare, archiviare. Queste sono gli imperativi di molti fotografi subacquei. Molti, in immersione, hanno come unica prerogativa la tecnica. Ma al mare non interessano né tempi, né diaframmi. Bisogna lasciarsi  trasportare dall’incantesimo per  uscire dal mare puliti da tutte le scorie del vivere quotidiano.

Giancarlo Albertini       Irlanda            Wings 16:9     13’30”

Nella magica terra d’Irlanda, dalla costa dei giganti, alle isole Aran, alle alte scogliere tra prati verdi e grandi cieli, pub colorati con ottima musica e ottima birra….

Giorgio Cividal       Exercize 56                       Wings 2,35:1  2’25”

 

Claudio Tuti      La città dell’ultimo viaggio        Wings 2,35:1  8’15”

Ogni giorno che rinasce è celebrato da un rito di ringraziamento, a Varanasi, i cui vapori si disperdono all’alba. Ogni vita che si spegne è accompagnata da un rito che purifica e trasforma il corpo, i cui resti sono affidati alla corrente.

 

Oreste e Odetta Ferretti  
 Una preghiera per la vita, una preghiera per la morte

  Wings 16:9        9’06”

Dino Scortegagna        Northern Lights           Wings 16:9      6’40”

Alla ricerca dello spettacolo e del  fascino delle luci del nord nell’alta Norvegia.

 

Gabriele Bellomo    MISOUN D’EN BOT         PTE 16:9              2’49”

Il desiderio di conservare le proprie tradizioni occitane, raccogliendo i ricordi della vita passata nella valle Maira, nel racconto di una casa di “una volta”

 

 

Un commento:

  1. Pietro Gelmetti

    Ciao Edoardo per cortesia mi potresti dare il tuo numero tel per contattarti …
    distinti saluti Pietro Gelmetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *